Select Language:

Comune di Chiampo

Il Comune di Chiampo è situato nella zona mediana della Valle del Chiampo, una vallata posta ai margini dei Monti Lessini delimitata a nord dalla Val d’Alpone, a nord e ad est dal fiume Agno, prima di aprirsi alla vasta pianura che collega Verona e Vicenza.
Chiampo vanta un paesaggio variegato e di grande fascino. Apre la valle sviluppandosi lungo gli argini dell’omonimo torrente.“Campus” significa proprio pianura o campo coltivato. Alcuni studiosi ritengono possa essere una derivazione di Klam-po ossia piccolo Po, o, ancora, luogo nascosto fra boscaglie e piccole valli.
Noto, non solo per l’avanguardia nelle attività produttive, questo territorio è anche un vero punto di riferimento del grande movimento religioso-mariano sviluppatosi attorno alla Grotta di Lourdes, che richiama numerosissimi fedeli ogni anno. Edificata in cemento e ferro nel 1935 dal Beato Claudio Granzotto, a immagine di quella francese, conserva al suo interno la statua dell’Immacolata scolpita in marmo di Carrara.
Sono molto interessanti sia a livello culturale che paesaggistico i percorsi naturalistici tra cui i più noti sono il sentiero delle Marogne e l’Anello ecoturistico Agno-Chiampo. Si tratta di due percorsi naturalistici di notevole pregio che permettono di far conoscere splendidamente l’ambiente fisico e antropico del luogo.
Chiampo, e più in generale la Valchiampo, sono note per la presenza di numerose attività conciarie e di lavorazione del marmo. Trovandosi al centro di una delle più estese zone vulcaniche terziarie, qui si incontrano inediti scenari. È il caso di Cava Lovara, tra le più antiche della valle, in cui nel 1906 iniziò l’estrazione delle prime bancate di marmo Chiampo, Perlato, Paglierino e Mandorlato. Tra quest’ultime si distinguono aziende di eccellenza, conosciute in tutto il mondo per i loro manufatti di pregio artistico.
Chiampo è nota per alcuni prodotti DE.CO. (denominazione comunale) tra cui la ciliegia durona di Chiampo, la cincionela co’ la rava e il miele valchiampo. La valorizzazione massima della ciliegia avviene in occasione della tradizionale Mostra provinciale delle ciliegie, giunta alla 52^ edizione, che si svolge la terza domenica di giugno; la cincionela co’ la rava è invece protagonista in occasione di eventi promozionali (pranzi e cene) a metà novembre. Tra i vini più apprezzati c’è il Durello che viene prevalentemente prodotto a livello familiare.

Tra gli eventi legati alla tradizione popolare chiampese si segnalano: la tradizionale Festa della Madonna delle Grazie (3^ domenica di ottobre). Si tratta di una festa votiva, nata nel 1944, per scongiurare l’avanzata distruttiva tedesca che si è arrestata nel Comune limitrofo di San Pietro Mussolino che ha il suo culmine in una processione lungo le strade del centro storico dove sorge la Chiesetta della Madonna delle Grazie, così denominata a seguito della Grazia ricevuta.