Select Language:

Comune di Cornedo Vicentino

Cornedo Vicentino è situato nella media valle del torrente Agno; la denominazione del Comune fino al 1928 era Cornedo. Il nome “Cornedo” è di origini latine ed è collegabile alla presenza sul territorio di numerosi cornioli, piante selvatiche dai piccoli frutti commestibili di sapore leggermente asprigno. Il suo sviluppo urbano si ebbe durante l’Alto Medioevo, quando l’abitato, che si suppone sorgesse ai piedi del colle di San Sebastiano, venne protetto da un castello. Punto strategico sulla via di accesso alla Germania, Cornedo venne a lungo dominata dagli imperatori, attraverso l’investitura feudale concessa ai Trissino, assegnata nel XIII secolo dall’imperatore Federico II. L’aggettivo “vicentino” è stato aggiunto dopo l’annessione del Veneto al Regno d’Italia, per favorire la chiara ed immediata identificazione della località.

Tra i prodotti enogastronomici tipici del posto si ricorda innanizitutto la torta putana, altrimenti detta “onta, bisonta e soto tera sconta“, preparata durante il periodo invernale e proposta addirittura come piatto unico, perché molto energetica. Altri piatti tipici sono la polenta e osei, il baccalà alla vicentina“, i bigoli con l’arna ovvero una pasta con trafila simile al bucatino condita con carne di anatra. L’agricoltura produce cereali, foraggi e uva da vino; si pratica l’allevamento bovino. Tradizionale è l’attività della lavorazione del legno e del mobile. Centinaia sono le piante di corniolo. Il suo frutto selvatico, una bacca rossa di piccole dimensioni, rappresenta un prodotto d’eccellenza, dal quale è possibile ricavare il succo si frutta, la marmellata, la crostata, il gelato, la salsa per bolliti, la grappa ed il distillato.
La naturale bellezza di Cornedo si esprime nei suoi parchi. Quello del “Pretto” presenta una straordinaria varietà arborea di interesse botanico ed è impreziosito da alberi, quali: il cedro dell’Himalaya, tassi, uno dei quali con un tronco di oltre due metri di circonferenza, magnolie e ligustri. Agli argini del torrente Poscola si scorge, invece, un’oasi naturalistica di importanza comunitaria che ospita specie faunistiche selvagge.
Gli eventi di maggiore rilevanza sono la Fiera Valle Agno che si svolge nel mese di luglio ed ha assunto il ruolo di atteso e costante appuntamento annuale per quanti operano a vari livelli nella realtà economica della vallata ed oltre; nel periodo invernale, invece, altrettanto atteso è il Carnevale cornedese che vede tutto il paese in festa.
Evento di primo piano è la Camminata di San Bastian che si svolge nel mese di gennaio ed è una marcia non competitiva su strade collinari, in occasione della festa di San Sebastiano, cui è dedicata una chiesetta sull’omonimo colle che domina Cornedo, esistente da almeno sette secoli. La marcia è occasione per una festa conviviale nel porticato della rinascimentale villa “Trissino“.
Non mancano fiere enogastronomiche ed eventi culturali locali durante tutto l’anno.